19.3 C
Rome
mercoledì, Agosto 10, 2022

Salerno FiJLKAM, la Delegazione coesa

ATTUALITÀSalerno FiJLKAM, la Delegazione coesa

Portata a termine, la seconda riunione della Delegazione Provinciale Salerno FiJLKAM, aperta a tutti i settori e, tenutasi a Salerno, c/o la palestra Nicodemi, ospiti del Fiduciario Regionale Federale, settore AIKIDO, nonché, componente della Commissione Nazionale, Giovanni Desiderio.

Presenti: ovviamente, il Delegato reggente, Roberto Serrano (Judo), con il suo vice, Michele Lionti (Judo): l’addetto stampa regionale, Fernando Gallia (Judo); ed i vice di settore: Riziero Genovese (Ju Jitsu); Vincenzo Benincasa (Karate); Valerio Vincenzo Vitale, per delega di Eva Alfinito (Lotta), impegnata, in altra contemporanea riunione in streaming, con i rappresentanti Federali locali ed il CONI Point Salerno, come, il Presidente Regionale, Antonio Bracciante, impegnato, nella stessa riunione. Presente anche il Fiduciario Regionale MGA, Luigi Di Maio.

Tante le idee, poste in discussione, tante le progettualità, segno vitale di riscossa, di una Provincia, che è stata da troppo tempo, inerte e dipendente, esclusivamente, dalle iniziative Regionali. La voglia di cambiamento, è nell’aria da tempo e forse, finalmente, può essere espressa sul campo. Certo, le remore, non mancano, qualcuno, lamenta qualcosa, che può essere evitato, se, solo vi fosse, un po’ di buona volontà da parte di tutti e, si capisse, che il tempo, del “muro del pianto” è finito o, è da accantonarsi, rimboccandosi le maniche.

Il lavoro di squadra, diventa, primaria volontà e giusta azione, da porre in essere. Il collegamento fra i settori; il lavoro interdisciplinare; il contatto, interdisciplinare; il dialogo interdisciplinare; una forza trasversale, deve essere posta in essere, a vantaggio di tutti, senza esclusioni, gelosie, remore, invidie. La compattezza del gruppo, deve essere la forza trascinante e dirompente, pronta, anche a rompere i vecchi schemi, ancora, purtroppo, in essere e, nella testa della gente. Certo, ci vuole il coraggio di cambiare, rasentare, anche il rischio di insuccesso.  Questo, deve essere il nuovo diktak, che questi, tutti, devono imporsi, per il bene e la crescita, trasversale, dei settori, della federazione, in questa Provincia. Gli ostruzionisti, i detrattori, si adegueranno o, resteranno alla bandierina di partenza, forse, magari, traendo qualche briciola di vantaggio, che con il tempo, si disperderà nel vento.

Buone le idee, di organizzare due eventi nell’immediato; uno, verso Giugno e l’altro, verso Settembre, pubblici e su suolo pubblico, in presenza e collaborazione condivisa; come quella, di partecipare ad iniziative già in essere, allargandole agli altri settori, una, del buon Benincasa e l’altra, del buon Genovese.

<<Lasciate che i fanciulli, vengano a me>> (LdM)..

+ posts
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi:

Potrebbe interessarti anche:

Articoli più letti