Europee, Calenda ammette: “Dura sconfitta che non ci aspettavamo”

0
42

(Adnkronos) – “E’ una dura sconfitta che non ci aspettavamo. Avevamo una lista di candidati straordinaria, la migliore in termini di competenze tecniche che mai sia stata fatta, non è stato sufficiente perché c’è una violentissima polarizzazione che prescinde da ogni altra considerazione”. Così Carlo Calenda commentando l’esito delle elezioni Europee. Azione si è fermato poco sopra il 3%.  

“Sono i risultati di Vannacci, Salis, della Francia e della Germania. C’è un’onda forte e potente e Azione è nata per contrastarla. Rimarranno macerie se si andrà avanti così”, ha aggiunto sottolineando: “Si può cadere ma ci si rialza e si continua a combattere. Quello che conta è il coraggio di continuare, lo faremo aprendo una grande costituente dei riformisti, da domani come ieri”  

“Ho cercato di avere un progetto politico, ma Bonino fa partiti con nessuno e Renzi lo fa per sfasciarlo. Ma io non voglio attribuire ad altri le responsabilità”, ha poi aggiunto. 

Una scelta di campo progressista? “Sono sempre disponibile al dialogo, ma su quale valori? Ne parleremmo negli organi del partito, certo oggi è più facile fare la ruota di scorta dei sovranisti o dei progressisti ma facciamo politica per quello che riteniamo giusto”, ha poi aggiunto Calenda. 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.