Scurati, Sangiuliano: “Deve poter esprimere liberamente il suo pensiero”

0
26

(Adnkronos) – “Scurati deve poter esprimere liberamente il suo pensiero. L’ho detto stamattina in una intervista al ‘Messaggero’. Quando ero direttore del Tg2 abbiamo fatto ben tre interviste a Scurati. Abbiamo dato ampio spazio allo scrittore anche quando vinse il Premio Strega. Da parte nostra un comportamento molto generoso nei suoi confronti”. E’ quanto dichiarato dal ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano al Collegio Romano, a margine della presentazione dello spettacolo evento ‘Viva la danza’ che vedrà protagonista Roberto Bolle, in onda su Rai1 in prima serata il 29 aprile. Ed ha aggiunto: “Scurati lo conosco bene. Abbiamo spesso ragionato insieme sul contenuto dei suoi libri”.  

Intanto il capogruppo democratico nella Commissione bicamerale di Vigilanza Rai, Stefano Graziano, ha chiesto di programmare rapidamente l’audizione della conduttrice Serena Bortone e del direttore approfondimento Rai, Paolo Corsini, sul caso Scurati. Graziano ha scritto alla presidente Barbara Floridia, esprimendo, nella sua lettera, “preoccupazione per la mancata messa in onda del monologo di Scurati che conferma un’allarmante deriva autoritaria all’interno della Rai”.  

“Per questo – ha sottolineato Graziano – c’è la necessità di condurre un’istruttoria approfondita su questo caso che è rappresentativo della politicizzazione dell’attuale governance di viale Mazzini che sta entrando a gamba tesa nei contenuti editoriali del servizio pubblico televisivo. Siamo davanti a gravi violazioni, la Commissione bicamerale di Vigilanza deve avere tutti gli elementi per valutare. Questi reiterati comportamenti – ha concluso l’esponente dem – compromettono la ragione stessa dell’esistenza della Rai come servizio pubblico televisivo”. 

Sul caso si è espresso anche Andrea De Maria, della Presidenza del Gruppo Pd alla Camera, intervenendo nell’Aula sull’ordine dei lavori. “Non solo nel nostro Paese ma anche fuori dai nostri confini cresce lo sconcerto per la vera e propria censura che è stata messa in atto dalla Rai rispetto all’intervento di Antonio Scurati sul 25 aprile, per non meglio specificati ‘motivi editoriali’. Vogliamo essere certi che non vi siano state interferenze da parte del governo o della maggioranza – ha scandito – anche perché sono sempre più inquietanti i segnali di una logica per cui l’occupazione della Tv pubblica prevale sull’impegno a fare servizio pubblico. Se anche vi fosse stata semplicemente la volontà di accreditarsi con il governo e le forze di maggioranza saremmo di fronte ad un fatto di una gravità straordinaria. Chiediamo al governo, nella persona della presidente del Consiglio o in quella del ministro dell’Economia di riferire alla Camera in merito. Chiediamo poi alla commissione di Vigilanza Rai di mettere in atto tutte le iniziative di propria competenza”. 

“La libertà di informazione e di espressione – ha aggiunto – sono infatti un elemento fondamentale della libera dialettica democratica e di una democrazia degna di questo nome. Nel suo monologo Scurati ha posto due temi di grande rilievo. Il primo è la chiarezza sulla natura del fascismo, movimento che ha fatto della violenza il tratto distintivo fin dalle origini, che è stato il primo esempio di un fenomeno europeo che ha portato anche alla nascita del nazismo in Germania. Il secondo pone un tema per me di grande attualità. La richiesta cioè alla destra italiana di fare pienamente i conti con la storia del fascismo. Sono convinto, lo dico anche avendo avuto l’onore di essere stato per due mandati sindaco di Marzabotto, che sia giusto unire oggi tutto il sistema politico su valori condivisi. Questo però non può che voler dire riconoscerci tutti nella Costituzione antifascista data dalla Resistenza. Si avvicina il 25 aprile – ha concluso – ci aspettiamo e chiediamo che chi governa il Paese avendo giurato sulla nostra Costituzione dica, in quella occasione, parole nette e chiare sul valore dell’antifascismo e sulle responsabilità storiche del fascismo”. 

Alla richiesta del deputato del Pd si sono uniti anche Elisabetta Piccolotti, di Alleanza Verdi e Sinistra, Riccardo Ricciardi, del Movimento 5 stelle, e Valentina Grippo, di Azione.  

Questa sera, alle 18.30, Antonio Scurati sarà a Milano, a inaugurare alla Fondazione Feltrinelli la rassegna ‘Democrazia a rischio’ con un talk dal titolo ‘Come sta la democrazia?’.  

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.