3 C
Rome
martedì, Aprile 23, 2024

Università, Brambilla: “Supporto alle fasce medie per ampliare il diritto allo studio e aiutare il Paese”

ULTIM'ORAUniversità, Brambilla: "Supporto alle fasce medie per ampliare il diritto allo studio e aiutare il Paese"

(Adnkronos) –
Estendere la fascia di non contribuzione per garantire il diritto allo studio per gli studenti con minori possibilità economiche, sostenere le fasce medie delle famiglie con una tassazione più equa e più progressiva e aumentare le residenze universitarie per favorire l’accesso a un numero maggiore di studenti per aiutare il Paese, tra gli ultimi in Europa per numero di laureati. Questa la ricetta con la quale Marina Brambilla, docente di Linguistica tedesca e prorettrice ai servizi per gli studenti, si candida a diventare la prima rettrice donna dell’Università Statale di Milano. Il 3 e 4 aprile prossimi, l’ateneo milanese sarà chiamato al rinnovo del board: oltre a Brambilla, ci sono anche Gianluigi Gatta, docente di diritto penale e Luca Solari, presidente della Fondazione UniMi e professore di organizzazione aziendale a Scienze politiche, a contendersi il posto che oggi è di Elio Franzini. A votare saranno circa 2.300 professori e ricercatori e circa 300 rappresentanti degli studenti e dei dottorandi, oltre al personale tecnico.  

“Con la decisione presa all’unanimità dal Consiglio d’amministrazione lo scorso 19 marzo -spiega Brambilla- abbiamo messo un ulteriore tassello ad un percorso di ampliamento del diritto allo studio che la Statale persegue da anni; già nel 2019, con una prima riforma della tassazione, avevamo aumentato la fascia di non contribuzione da 14.000 a 20.000 euro di Isee, per poi salire a 22.000. Oggi la Statale ha deciso di ampliare a 30.000 euro la fascia di non contribuzione; ciò significa garantire a un numero ancora maggiore di studenti la possibilità di accedere ai nostri corsi di studio e all’eccellenza della nostra formazione”. Ad oggi, afferma la professoressa, “sono 19.000 gli studenti che rientrano nella no tax area; con questa riforma prevediamo che arriveranno a circa 27.000 dei nostri 64.000 studenti”.  

Questa, sottolinea, è “una misura particolarmente importante perché conferma l’identità e la natura della Statale come ateneo pubblico aperto, a favore dei diritti e in grado di garantire il diritto allo studio a un’ampia fascia di studenti”.  

Per garantire il diritto allo studio e aiutare le famiglie che intendono sostenere gli studi dei propri figli ci sono anche altri tipi di intervento: “La misura messa in campo -spiega Brambilla- prevede anche una tassazione più equa e più progressiva, quindi un sostanziale abbassamento delle tasse fino a 78.000 euro di Isee; viene inoltre innalzato da 75.000 a 80.000 euro di Isee il livello di contribuzione massima. Questa decisione -osserva- è molto importante in un Paese dove, come sappiamo, il numero dei laureati è ancora troppo basso: l’Italia è tra gli ultimi in Europa per numero di laureati. Garantire l’accesso alla formazione superiore a un numero crescente di studenti è quindi una misura di particolare rilievo anche a livello nazionale”. 

“Noi -prosegue la professoressa- immaginiamo che ciò possa significare anche una maggiore attrattività dell’ateneo: la sostenibilità di questa misura è stata infatti accuratamente valutata nell’ambito della commissione tasse del nostro Cda e verrà attentamente monitorata nei prossimi anni. Ci aspettiamo anche una forma di ritorno premiale nell’ambito del fondo di finanziamento ordinario degli atenei che prevede premialità per la no tax area e un miglioramento dei nostri parametri in relazione al costo standard per ogni studente, proprio nella prospettiva di un aumento delle iscrizioni”.  

E non è tutto: “Non dobbiamo dimenticare l’importanza del supporto alle fasce medie perché ci sono anche moltissimi casi di famiglie con reddito medio che fanno fatica a mandare i figli a studiare a Milano, soprattutto se sono fuorisede, per via del caro-affitti. Il mio programma per il prossimo sessennio si declina quindi anche in borse di studio a favore degli studenti che si trovano subito al di sopra della no tax area”. Diritto allo studio, poi, significa aumentare sensibilmente il numero di posti nelle residenze universitarie: “Di questo tema -sottolinea Brambilla- mi sono occupata direttamente negli ultimi anni, conseguendo risultati tangibili perché la Statale è cresciuta di oltre 300 posti letto in questi ultimi sei anni, ha attratto finanziamenti dal Pnrr a più riprese e più di una residenza. Abbiamo inoltre in progetto, già approvati e già resi sostenibili, posti sia sull’area Mind che, in previsione, presso nuova residenze in via Attendolo Sforza e nell’area di Città Studi dove realizzeremo un nuovo campus”. E infine significa “dare la possibilità a tutti i nostri ragazzi di portare a termine il loro percorso di studio senza interruzioni e senza difficoltà, date troppo spesso da fragilità di vario tipo: dalla fragilità psicologica ai disturbi per l’apprendimento a casi relativi alle diverse disabilità”.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi:

Potrebbe interessarti anche:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli più letti