7.4 C
Rome
sabato, Ottobre 1, 2022

Gas russo, Eni: flussi attraverso Tarvisio sono nulli

(Adnkronos) - Gazprom ha comunicato di...

Al via SyngenTalent, la Call4Ideas e Academy per progetti innovazione

(Adnkronos) - Promuovere l’innovazione nel settore...

Estratto di mirtilli accelera guarigione ferite: lo studio

BENESSERE E SALUTESALUTEEstratto di mirtilli accelera guarigione ferite: lo studio

(Adnkronos) – Dai mirtilli un possibile aiuto contro le ferite difficili. Lo suggerisce uno studio Usa che verrà presentato a Philadelphia in occasione dell”Experimental Biology 2022′, incontro annuale promosso dall’American Physiological Society (Aps). Secondo il gruppo guidato da Dorothy Klimis-Zacas dell’università del Maine, un gel a base di estratto fenolico di mirtilli selvatici ad azione antiossidante potrebbe favorire i meccanismi alla base della guarigione di piaghe, ulcere e ustioni, accelerandone la chiusura.  

Ogni anno – ricordano gli autori – vengono spesi più di 50 miliardi di dollari per la cura delle ferite. Quelle croniche, come le piaghe associate a un diabete non compensato o le ulcere da pressione, vengono classificate come ‘non cicatrizzanti’ a causa di una ridotta vascolarizzazione che ne complica la chiusura. Giù precedentemente ricercatori dello stesso ateneo statunitense avevano scoperto che un estratto fenolico di mirtilli selvatici migliorava la vascolarizzazione e la migrazione cellulare, fasi cruciali nel processo di guarigione, in cellule del cordone ombelicale umano. Il nuovo studio ha esaminato l’effetto dell’estratto, formulato in gel topico, su ferite vive nei ratti. Rispetto agli animali di laboratorio trattati con un gel placebo, i ratti curati con il prodotto attivo hanno mostrato una migliore migrazione delle cellule endoteliali verso il sito della ferita e un aumento del 12% della sua chiusura. 

“I mirtilli selvatici hanno il potenziale per migliorare la migrazione cellulare, la formazione di nuovi vasi sanguigni (angiogenesi) e la vascolarizzazione, e per velocizzare la chiusura della ferita – afferma Tolu Esther Adekeye, primo autore del lavoro – Ciò è particolarmente importante nei pazienti con ferite croniche come piaghe diabetiche, ustioni e ulcere da pressione”. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi:

Potrebbe interessarti anche:

Articoli più letti