10.8 C
Rome
giovedì, Maggio 19, 2022

Ucraina-Russia, news oggi tempo reale: notizie ultima ora 18 aprile

ULTIM'ORAUcraina-Russia, news oggi tempo reale: notizie ultima ora 18 aprile

(Adnkronos) – Guerra Ucraina-Russia, nelle notizie e news dell’ultima ora di oggi, 18 aprile, l’appello di Zelensky per l’invio a Kiev di nuove armi, Mariupol che non si arrende all’ultimatum di Mosca e l’allarme della ong: “Portati via con la forza 150 bambini dalla città”. Ecco le ultime notizie di oggi: 

ORE 8.17 – ”Cinque potenti attacchi missilistici su obiettivi civili dell’antica Leopoli europea”. Lo conferma su Twitter il consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, Mykhailo Podolyak, aggiungendo che ”i russi continuano ad attaccare barbaramente le città ucraine dall’alto, dichiarando cinicamente al mondo intero il loro ‘diritto’ di uccidere gli ucraini”.
 

ORE 8.04 – Il sindaco di Leopoli, nell’Ucraina occidentale, ha confermato che questa mattina la città è stata colpita da cinque attacchi missilistici russi. Andriy Sadovyi ha spiegato su Twitter di aver inviato sul posto i servizi incaricati e che più tardi verranno fornite informazioni più dettagliate.
 

ORE 8.01 – I russi hanno condotto questa mattina alcuni attacchi missilistici contro la regione di Dnipro, nell’Ucraina centrale. Lo ha detto il governatore di Dnipropetrovsk Valentyn Reznichenko, aggiungendo che ”il 60 per cento dei missili sono stati abbattuti dal sistema di difesa antiaerea dell’Ucraina”.
 

ORE 7.57 – Sono 205 i bambini che sono stati uccisi in Ucraina dall’inizio dell’aggressione militare russa. Lo ha reso noto l’ufficio del procuratore generale di Kiev aggiungendo che oltre 362 sono rimasti feriti. Il Kiev Independent sottolinea che il numero reale delle vittime tra i bambini rischia di essere molto più alto in quanto non considera chi ha perso la vita nelle zone temporaneamente occupate dai russi e dove i combattimenti sono ancora in corso.
 

ORE 7.46 – I russi vogliono distruggere il Donbas, annientare quelle che erano le potenze industriali di Donetsk e Luhansk. E per questo l’Ucraina ha bisogno di più armi. Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel suo discorso trasmesso nella notte. “Le truppe russe si stanno preparando per un’operazione offensiva nell’est del nostro paese. Inizierà a breve. Vogliono letteralmente distruggere il Donbas”, ha detto Zelensky.
 

ORE 7.21 – Il presidente russo Vladimir Putin ha chiesto in una lettera al primo ministro israeliano Naftali Bennett che la chiesa ortodossa di Alexander Nevsky, nella città vecchia di Gerusalemme, sia immediatamente trasferita nelle mani dei russi, come era stato promesso dall’ex primo ministro Benjamin Netanyahu. La chiesa è ancora di giurisdizione israeliana dopo che un tribunale ha stabilito che la decisione è nelle mani dell’attuale governo guidato da Bennett. 

La lettera di Putin è considerata dai funzionari israeliani come un segno di un ulteriore deterioramento delle relazioni bilaterali, dopo le critiche del ministro degli Esteri Yair Lapid alla Russia per la guerra in Ucraina. 

ORE 7.12 – Le truppe ucraine presenti a Mariupol hanno deciso di non arrendersi e di combattere fino alla fine, ignorando la richiesta delle truppe russe. Di conseguenza Mosca ha deciso di imporre dei ”permessi di movimento” per regolare gli spostamenti nei diversi quartieri della città. Lo ha detto il consigliere del sindaco Petro Andriushchenko su Telegram, condividendo una foto nella quale si vede una fila di persone in attesa di ottenere questi permessi.
 

ORE 7.10 – Sono suonate anche questa mattina le sirene a Kiev, come riporta Sky News, mentre le truppe russe intendono entrare nella regione di Kherson. E’ la previsione del ministero della Difesa di Kiev secondo il quale ”le forze armate della Federazione russa stanno completando la formazione di un gruppo aggressivo nella zone orientale”. In una nota si legge che le truppe russe ”non smetteranno di compiere attacchi missilistici contro le infrastrutture del’Ucraina”. 

ORE 7.00 – I militari russi hanno portato via con la forza da Mariupol circa 150 bambini. Lo ha reso noto il Crimean Human Rights Group citando un consigliere del sindaco di Mariupol, Petro Andriushchenko. Molti dei bambini portati via dai russi erano ricoverati negli ospedali e non erano orfani. 

+ posts

Condividi:

Potrebbe interessarti anche:

Tags:

Articoli più letti