22.8 C
Rome
martedì, Agosto 9, 2022

Maltempo in Campania, fango e allagamenti

(Adnkronos) - Maltempo in Campania dove...

Atp Montreal 2022, Berrettini ko al primo turno

(Adnkronos) - Matteo Berrettini ko al...

Bandecchi (AP): “la Politica non è ricerca di consenso, ma di soluzioni”

IMMEDIAPRESSBandecchi (AP): “la Politica non è ricerca di consenso, ma di soluzioni”

(Adnkronos) –
Roma, 13 luglio 2022. “In Italia i partiti, per prendere voti, hanno creato una contrapposizione fra i poveri, i disoccupati e le imprese. C’è chi dice di fare politiche per i poveri, in contrapposizione alle imprese, c’è chi dice il contrario. Ed è l’errore più grande che si possa fare. Un errore che provoca danni ai poveri, ai disoccupati, alle imprese, alla tenuta sociale ed all’intero Paese.” Inizia così la lettera aperta di Stefano Bandecchi, nominato lo scorso 15 giugno Coordinatore Nazionale di Alternativa Popolare dal Presidente Alli. 

Lavoratori vs Aziende. “Si deve fare avendo il coraggio di abbandonare lo schema lavoratori contro aziende e viceversa. I posti di lavoro nascono dalle e nelle imprese, nelle aziende, dagli imprenditori e dai liberi professionisti. Se questi hanno le condizioni economiche e le sicurezze per crescere, cresce l’occupazione, crescono le assunzioni, diminuiscono i disoccupati ed i poveri. Cioè si crea ricchezza condivisa, si creano redditi, si creano posti di lavoro. In un quadro di economia globale sulle aziende italiane pesa una tassazione spropositata e un costo del lavoro assurdo, del quale però gran parte è costituita dalle tasse sul lavoro, mentre ai lavoratori arrivano stipendi miseri. Su questo si deve intervenire con forza, coraggio e lungimiranza. Se un lavoratore costa all’azienda 40.000 euro all’anno ma poi di stipendio ne prende 15.000, abbiamo un doppio problema: costo insostenibile per l’azienda e stipendio da fame per il lavoratore.” 

Rilanciare l’economia e l’occupazione. “Lo dico per esperienza diretta – continua Stefano Bandecchi- sono un imprenditore, ho oltre 1500 dipendenti, pago milioni di euro di stipendi ma la parte più grande di quanto spendo va in tasse e contributi sul lavoro e non, come dovrebbe essere, nelle tasche di chi lavora. 

Mentre in Parlamento assistiamo a scene vergognose e penose, di forze che per recuperare voti mettono a rischio il governo e la stabilità nazionale, noi di Alternativa Popolare poniamo un tema concreto e serio, non ideologico e non elettorale: chiediamo al Governo una seria azione per il rilancio dell’economia e dell’occupazione, senza bonus, senza miliardi di euro regalati, ma attraverso il cambiamento del sistema fiscale del lavoro e delle imprese, perché tutti, lavoratori, poveri, imprenditori, commercianti e artigiani siamo nella stessa barca e solo insieme, tutti insieme, possiamo salvare il Paese e ridare speranza e prospettive agli italiani. La politica, per me, non è scontro, non è ricerca di voti, consenso e like, ma ricerca di soluzioni, idee e azioni per restituire dignità e serenità ai nostri cittadini.” 

Ufficio Stampa 

+ posts
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi:

Potrebbe interessarti anche:

Articoli più letti