22 C
Rome
lunedì, Giugno 27, 2022

Default Russia, solo una questione tecnica? Mosca pagherà a lungo

(Adnkronos) - Era annunciato. Era scritto...

Comunali 2022, Renzi: “Poche chiacchiere, si vince al centro”

(Adnkronos) - "Ballottaggi. Crolla l’affluenza e...

Leonardo, pacco esplosivo nella sede di Roma

(Adnkronos) - Un pacco esplosivo è...

Ucraina, Salvini: “Stop a invio armi, l’ho detto a Draghi”

ULTIM'ORAUcraina, Salvini: "Stop a invio armi, l'ho detto a Draghi"

(Adnkronos) – E’ durato circa un’ora l’incontro a Palazzo Chigi tra il premier Mario Draghi e il leader della Lega, Matteo Salvini. Ha chiesto a Draghi di fermare un terzo invio di armi all’Ucraina? “Ho parlato di cessate il fuoco e di disarmo, dunque questi passano da uno stop di invio di armi, perché parlare di disarmo inviando armi…” dice il leader della Lega rispondendo alle domande dei cronisti lasciando Palazzo Chigi.  

A chi gli domanda cosa abbia risposto Draghi, “non riporto la parola di altri – risponde con nettezza – diciamo che due mesi e mezzo fa, quando votammo l’invio di tutti i tipi di aiuti all’Ucraina, c’erano certe condizioni, a quasi tre mesi dall’inizio del conflitto e decine di migliaia di morti io sono convinto che ulteriori invii di armi allontanino la pace”. A chi gli chiede cosa farà la Lega in caso di voto su un nuovo invio, “arrivano comunicazione – risponde – non sono previsti voti”. 

Con il premier Draghi si è parlato “finalmente di pace, dopo tre mesi di guerra riuscire a parlare concretamente di pace, di cessate il fuoco, di salvare vite e anche posti di lavoro è qualcosa su cui non dormo la notte – dice Salvini – Direi che rispetto ai toni bellicisti che c’erano da quasi tutti fino a pochi giorni fa, il fatto che il presidente Draghi sia andato a Washington a portare parole e progetti di pace, l’idea di un’Europa nuova – Italia, Francia e Germania – che metta al centro la pace e il disarmo e la salvaguardia dei posti di lavoro in patria è qualcosa su cui sto lavorando da più di due mesi e che inizia a vedere i primi frutti”. 

“Abbiamo parlato” di “come arrivare a un cessate il fuoco il prima possibile con un’Italia protagonista – prosegue il segretario della Lega – Lasciamo ad altri venti e toni di guerra e noi facciamo l’Italia perché l’Italia è da sempre potenza di equilibrio, ovviamente alleata delle potenze e democrazie occidentali con equilibrio, prudenza, buonsenso e misura, questo dai tempi di Prodi, Berlusconi, Craxi, Aldo Moro. Quindi che l’Italia sia promotrice di un processo di pace e di cessate il fuoco mi rende orgoglioso”.  

LA NOTA DI PALAZZO CHIGI – Nella nota di Palazzo Chigi si legge che il presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha incontrato oggi pomeriggio, a Palazzo Chigi, il segretario della Lega, Matteo Salvini. Il colloquio si è incentrato sulla recente visita negli Stati Uniti, nel corso della quale è stato riaffermato l’impegno dell’Italia per la pace attraverso il sostegno all’Ucraina, l’imposizione di sanzioni alla Russia, la rinnovata richiesta di un cessate il fuoco e dell’avvio di negoziati credibili. 

Nel corso dell’incontro si è parlato anche delle conseguenze economiche e umanitarie del conflitto in corso, con particolare riferimento alla necessità di prevenire una crisi alimentare sul larga scala e di proseguire lungo la strada dell’accoglienza ai profughi ucraini.  

Sul fronte dell’energia, è stata condivisa l’importanza di un percorso che affianchi diversificazione delle fonti di approvvigionamento e investimenti sulle rinnovabili, si legge nella nota. 

+ posts

Condividi:

Potrebbe interessarti anche:

Tags:

Articoli più letti