21.1 C
Rome
lunedì, Maggio 23, 2022

Cagliari in Serie B, Salernitana salva resta in A

(Adnkronos) - Il Cagliari retrocede in...

Scudetto Milan, bus scoperto a Milano: il percorso

(Adnkronos) - Il Milan campione d'Italia...

Galli: “Long Covid possibile anche con infezione blanda”

BENESSERE E SALUTESALUTEGalli: "Long Covid possibile anche con infezione blanda"

(Adnkronos) – Omicron e le sue sottovarianti leggere? “Attenzione che anche quelli che hanno avuto un’infezione piuttosto blanda possono andare incontro al long Covid. Sono segnalati diversi casi in letteratura. La mia raccomandazione è non considerare questa infezione con leggerezza, ‘come se fosse una vaccinazione in più’. Questa affermazione è una sciocchezza. Se si può evitare di prenderla è meglio”. A dirlo all’Adnkronos Salute è Massimo Galli, ex direttore di Malattie infettive all’ospedale Sacco di Milano. 

“Ormai anche Omicron 1 – sottolinea lo specialista, rifacendosi ai dati dell’indagine rapida Iss – è residuale, sta praticamente circolando solo Omicron 2”. In ogni caso, ribadisce, è sbagliato pensare che si tratti di un virus meno temibile. “La variante originaria qualcuno l’ha ucciso – precisa Galli – altrimenti non si spiegherebbero i numeri dei decessi delle ultime settimane. Siamo in una situazione in cui si vedono pochissimi casi rispetto a quelli reali. Ricordo che la Germania in 28 giorni registra oltre 5 milioni e 200mila casi e noi poco più di un milione e 900mila, non c’è proporzione. E questo vuol dire che abbiamo ancora parecchi problemi con una realtà dominata da Omicron 2, variante caratterizzata da una grande diffusività e moltissimi casi”.  

In merito ai virus ‘mix’ di BA.1 e BA.2 rilevati anche in Italia dall’ultima flash survey dell’Istituto superiore di sanità, Galli sottolinea: “Non ci vuole la sfera di cristallo: se davvero i virus ricombinanti di Omicron 1 e 2 sono più diffusivi della stessa Omicron 2, tra 15 giorni saremo qui a parlare di una crescita elevata di questi contagi. E tra un mese le ricombinanti saranno prevalenti”. 

“Non abbiamo ancora dati precisi – evidenzia l’esperto – ma sembrerebbe che, ancora una volta, ci troviamo di fronte a una maggiore contagiosità. Sembra che i coronavirus, sul filone Omicron, abbiano messo la freccia e premuto l’acceleratore in termini di diffusibilità. E se questo schema si ripete, come Omicron 2 si è ‘mangiata’ Omicron 1, le ricombinanti mangeranno Omicron 2”.  

 

+ posts

Condividi:

Potrebbe interessarti anche:

Tags:

Articoli più letti